Posted on Lascia un commento

Ferro

E’ uno dei Macroelementi Minerali indispensabili per la salute dell’organismo umano (e non solo). Lo troviamo associato all’Emoglobina (Ferro Eminico), che svolge l’importante funzione di ossigenazione dei tessuti e nella Mioglobina che rappresenta la forma di riserva di Ossigeno a livello muscolare, oppure non legato (Ferro non Eminico), che costituisce la riserva organica.

E’ coinvolto, in qualità di componente di importanti sistemi enzimatici, in numerose reazioni del metabolismo energetico.

Le fonti nutrizionali principali da cui assumere Ferro sono principalmente le carni (in particolare il fegato), alcuni pesci e molluschi, i legumi, alcune verdure e frutti. Il fattore più importante, che ne regola l’assorbimento, non è la quantità presente negli alimenti, bensì la biodisponibilità, che risulta essere superiore nei derivati carnei (ferro eminico) che non in quelli vegetali o lattiero-caseari (ferro non eminico). Uno dei fattori che favoriscono l’assorbimento di Ferro non eminico è rappresentato dalla Vitamina C, che deve essere sempre presente in una quota di alimenti nella dieta quotidiana oppure oggetto di opportuna integrazione.

La dose giornaliera consigliata di Ferro, secondo l’IMS (Istituto mondiale della Sanità) è di circa 14 mg al giorno.

Una carenza di Ferro provoca nei casi più gravi Anemia, in quelli più lievi scarsa resistenza allo sforzo, diminuita capacità intellettiva, minori difese immunitarie, problemi in gravidanza ecc.

Un eccesso può provocare invece una superproduzione di radicali liberi.

Come detto sopra il Ferro risulta più assimilabile in presenza di vitamina C, per cui il consiglio è di accompagnare le pietanze che lo contengono con verdure, meglio se crude, che contengono vitamina C in quantità (Peperone, peperoncino, broccoli, cavolfiore, prezzemolo, crescione ecc.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *