Posted on Lascia un commento

Fibre Alimentari

Le Fibre Alimentari (distinte in Solubili ed Insolubili, che hanno in comune la capacità di inglobare liquidi),  possono essere considerate Alimenti Funzionali, detti anche Alicamenti, in quanto, essendo indigeribili, perché inattaccabili dagli Enzimi, non apportano nutrienti all’organismo, ma svolgono importanti funzioni per il benessere generale e del tratto gastro-intestinale in particolare. Chimicamente sono formate da gomme, lignina, cellulosa e carboidrati a molecola talmente complessa, che non possono essere utilizzati come nutrimento. L’apporto calorico è nullo.

Le fonti più importanti sono la verdura, i legumi, la frutta, i cereali integrali, che proprio grazie alle fibre hanno un indice glicemico molto basso. L’alimentazione standard è povera di queste fibre, in quanto si privilegiano alimenti di origine animale e prodotti come la pasta, il riso ed il pane lavorati, sbiancati e privati della loro parte corticale, che è rappresentata appunto dalla fibra.

E’ perciò importante cambiare le proprie abitudini alimentari inserendo nel menu quotidiano alimenti ricchi di fibre, in quanto esse concorrono a regolare l’alvo, combattere la stitichezza e prevenire emorroidi e diverticolosi. Queste sostanze e gli alimenti che le contengono sono efficaci anche nella prevenzione del cancro del colon e di alcune malattie metaboliche, come diabete e ipercolesterolemia in quanto hanno un elevato potere assorbente, fungono cioè da spazzini, inglobando tossine presenti nei cibi, colesterolo LDL e prodotti della fermentazione intestinale.

Dato che inglobano liquidi, aumentando notevolmente di volume, producono un importante effetto saziante, distendendo le pareti gastriche ed inibendo così i recettori che regolano lo stimolo della fame . Ecco perché sono consigliate anche nelle diete dimagranti.

Potrete facilmente trovare in internet le tabelle nelle quali sono rappresentati gli alimenti di origine vegetale ed il relativo contenuto in fibre alimentari.

Normalmente sono sufficienti per un adulto circa 30 g di fibre al giorno per mantenere in buona salute l’apparato gastro-intestinale, e questa quantità può essere raggiunta tramite un’alimentazione mirata oppure integrandola con alimenti funzionali od ancora assumendole disperse in un bicchiere di yogurt o di spremuta di frutta (la miglior fibra è costituita dalla Crusca di Avena Sativa).

Come per tutti gli alimenti ed integratori, superare questo limite è controproducente, in quanto un eccesso, invece di esercitare un’azione benefica, può causare disturbi gastro-intestinali come stitichezza, meteorismo, flatulenza e soprattutto inibire l’assorbimento da parte dei villi intestinali dei Sali minerali essenziali e delle vitamine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *