Posted on Lascia un commento

Funzione Epatica e Renale

Fegato e Rene, organi interni del complesso organismo umano (e non solo), rivestono un’importanza essenziale nel mantenerlo in buona salute.

Il Fegato è una delle poche parti dell’organismo che la scienza e la medicina non sono ancora state in grado di sostituire con l’equivalente biomeccanico, infatti, se nel caso del Rene è possibile sostituirne la funzione con gli apparecchi di dialisi, nel caso del Fegato ancora nulla è stato inventato.

Si tratta infatti dell’organo, più precisamente di una ghiandola, di dimensioni maggiori e più complesso del corpo umano, per quantità e varietà delle funzioni.

Alcune delle più importanti sono la Gluconeogenesi (formazione del Glucosio, nutriente principale delle cellule), la produzione della Bile (emulsionante dei grassi che si rendono così disponibili per l’assorbimento a livello intestinale), la sintesi del Colesterolo (essenziale, quando non in eccesso, per il buon mantenimento delle cellule), la sintesi dei Trigliceridi (fonte di energia per la vita cellulare), la sintesi dei fattori di coagulazione (Fibrinogeno e Trombina), la funzione di deposito di emergenza (Vit. B12, Ferro e Rame), la regolazione della concentrazione ematica delle sostanze nutrienti, l’escrezione delle sostanze che hanno svolto un’azione biochimica e quindi sono state rimpiazzate da altre attive ( es. Emoglobina ed Ammoniaca), la funzione di filtraggio e metabolizzazione delle sostanze tossiche assunte, che viene sfruttata anche per la somministrazione di alcune forme farmaceutiche, che in questo modo liberano la loro forma attiva grazie al lavoro epatico, la produzione, nei primi tre mesi di gestazione, dei globuli rossi nel feto, in attesa che il midollo osseo si sviluppi completamente.

Il sistema digerente demolisce le proteine negli amminoacidi costituenti, che poi vengono assorbiti a livello intestinale. Quando gli amminoacidi sono inglobati nelle cellule, alcuni vengono utilizzati direttamente per la sintesi di nuove proteine, altri subiscono la rimozione del gruppo amminico (-NH2) e vengono poi utilizzati come fonte di energia o per la sintesi di nuove molecole. I gruppi amminici vengono trasformati e liberati sotto forma di ammoniaca (NH3), che è molto tossica e viene elaborata nel fegato ad Urea ed Acido Urico, perdendo gran parte della tossicità. Il flusso sanguigno nell’apparato Cardiovascolare trasporta le sostanze nutrienti e l’ossigeno in tutti i distretti dell’organismo, dal centro verso la periferia, e ne riporta l’anidride carbonica e le scorie. Mentre l’anidride carbonica viene eliminata con la respirazione polmonare, le scorie azotate, come l’urea e l’acido urico, vengono in maggior parte concentrate ed eliminate dall’apparato renale ed urinario, il quale svolge anche altre funzioni: regola la concentrazione plasmatica di sodio, potassio, cloro, calcio ed altri ioni che vengono eliminati con le urine, regola la volemia e la pressione arteriosa attraverso il controllo dell’acqua persa con le urine, la liberazione di ormoni come l’eritropoietina (che stimola la produzione di globuli rossi) e la liberazione della renina, contribuisce alla regolarizzazione del pH ematico, svolge un’azione selettiva conservando elementi nutritivi come il glucosio e gli amminoacidi, che non vengono eliminati con le urine ma riassorbiti, agisce in tandem con il fegato nell’opera di disintossicazione dalle tossine esogene od endogene.

Il rene in definitiva funge da filtro ad osmosi inversa, recuperando parte dell’acqua, che è il maggior costituente dell’urina, concentrando le sostanze di scarto ed avviandole al sistema urinario per l’escrezione.

Fegato e Rene sono coinvolti quindi in numerose ed onerose funzioni, è quindi auspicabile che tutti siano a conoscenza degli effetti deleteri causati da fattori di stress tossico e da sovraccarico, e che siano informati  su come gestire la propria alimentazione, sull’uso corretto dei farmaci, sui principi e le pratiche di disintossicazione e sulla gestione di un’integrazione consapevole e mirata in caso di necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *